lunedì 22 luglio 2013

Il Re dei Ladri - Cornelia Funke

Il Re dei Ladri, Cornelia Funke. 2004, Mondadori. 370 pagine.

Ho da poco finito la sessione di esami estiva in modo più che dignitoso e quando porto a termine ogni mio piccolo traguardo sono solita regalarmi un libro, così ecco spiegato come ha fatto “Il Re dei Ladri” a ritrovarsi magicamente tra gli scaffali della mia ormai straripante libreria.

Molto spesso si giudicano i libri anche dalla copertina, ecco, in questo caso se avessi dovuto farmi influenzare dalla copertina questo libro sarebbe rimasto in libreria a prendere polvere, perché dai, obiettivamente le scelte estetiche per il layout di questo volume sono alquanto opinabili. Però il titolo era accattivante, così come l'autrice, che è riuscita a farmi innamorare del suo stile con la trilogia di Mondo d'Inchiostro, così l'ho preso e l'ho divorato in neanche due giorni!

Il libro è un fantasy godibile sia dai più piccoli che da bambini molto più cresciuti come me.
L'avventura si svolge a Venezia e i protagonisti sono dei ragazzini costretti ad essere ladruncoli per vivere che sottostanno al loro capo, il misterioso Re dei Ladri. Tra le vicende di questi bambini si interseca anche la storia di due fratelli orfani che per tutto il libro cercano di non farsi acciuffare dalla temibile zia Esther, loro tutrice legale.

Ma chi è davvero il Re dei Ladri? Ce la faranno i fratelli Prosper e Bo a scappare dalle grinfie della loro crudele zia? Quali segreti si nascondono tra le calli della Serenissima? Per rispondere a queste domande non c'è nient'altro da fare che immergersi nelle pagine di questo libro, che traboccano di amicizia, misteri, famiglia e avventure mozzafiato.

Consigliato a: bambini e ragazzi che desiderano immergersi in un'avventura fatta di amicizia e famiglia; consigliato anche a chi è più grande perché ogni adulto sogna di tornare bambino in fondo al cuore.

Citazione: “I bambini e gli adulti sono come i bruchi e le farfalle. Nessuna farfalla si ricorda di quando era un bruco”.

Nessun commento:

Posta un commento