martedì 13 maggio 2014

Di ritorno dal #SalTo14!

#SalTo è l'hastag che circola voracemente e senza sosta da qualche giorno a questa parte. Motivo? Il Salone Internazionale del Libro ancora una volta è riuscito a riscuotere un grandissimo successo.

La ventisettesima edizione della fiera più grande a livello italiano dedicato ai libri sta per volgere al termine (lunedì 12 maggio lo spazio Lingotto Fiera chiuderà i cancelli fino al prossimo anno); tantissime le iniziative messe in atto, incontri con autori e artisti soprattutto hanno portato una grande affluenza di persone accalcate all'entrata dello spazio fiera. In particolare, i giovani sono stati i protagonisti: ho felicemente notato che rispetto allo scorso anno, il numero di ragazzi carichi di borse e zaini pesanti di libri appena acquistati, è notevolmente aumentato!

Gli espositori sono stati come sempre tantissimi, suddivisi in tre padiglioni differenti; il Salone per me è un'occasione, ogni anno, per conoscere casa editrici minori ma ben pubblicizzate e che presentano volumi particolari, ma mi da' anche l'opportunità di trovare le “mie certezze”: Newton&Compton, Adelphi, Libraccio, Iperborea, per citarne alcune.

Purtroppo ho constatato – come capita ogni anno – che poche sono state le case editrici che offrivano il loro catalogo di pubblicazioni a prezzo più vantaggioso rispetto al normale prezzo di mercato; questo è un limite a mio avviso, poiché tende a tenere a freno alla curiosità dei visitatori.
Case editrici minori però si sono fatte riconoscere per la loro cortesia e per le loro piccole promozioni, che sono state sicuramente una spinta capace di incuriosire le molte persone.

Sicuramente il #SalTo14 è ricordato anche come la vetrina di moltissimi ospiti, veri e propri artisti a trecentosessanta gradi; facciamo qualche nome? De Gregori, Clara Sanchez, Paolo Mieli, Vito Mancuso, Massimo Gramellini.
Le varie sale colorate sono letteralmente prese d'assalto dai fan e le file interminabili per avere qualche autografo ne sono state la dimostrazione!

Insomma, anche quest'anno Torino e i suoi libri non ci hanno deluso!

Vi lascio con un paio di “foto ricordo” di incontri che hanno reso ancora più bella la mia permanenza al Salone!

 Và con Andrea Pinketts!

Zerocalcare all'opera!

2 commenti:

  1. Spero proprio di riuscire a farci un giro anche io l'anno prossimo! Non ci sono mai stato e ogni anno mi riprometto di andare salvo poi non riuscire a organizzarmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio!
      Allora per il prossimo anno potremmo organizzarci e preparare un articolo in combo, se ti va :)))

      Elimina